ARCHIVIO | 3 ARTICOLI

Dall’orrore di Bucha passa (anche) il futuro dell’Europa


La gravità di quanto sta accadendo ai confini dell’Unione Europea e della Nato ha riportato al centro dell'attenzione il tema della sicurezza e a portato a riscoprire, forse tardivamente, il valore della cooperazione nel settore della Difesa. Trent'anni fa l'UE veniva accusata di essere “un gigante economico, un nano politico e un verme militare”; chi sa se i tempi non siano maturi per una riflessione più coraggiosa sull'identità anche politica dell'Unione


Lo spazio geopolitico post-sovietico, crocevia delle relazioni tra Russia e UE


Il contributo riporta al centro dell’attenzione le dinamiche di lunga durata del rapporto conflittuale tra la Federazione Russa e l’Unione Europea, guardando al ruolo di svolta che ha rappresentato la cosiddetta ‘crisi ucraina’ all’interno delle relazioni tra i due attori geopolitici nella storia dell’età presente. In questo quadro, la brutale invasione militare dell’Ucraina da parte della Federazione Russa rappresenta un nuovo possibile momento di svolta per le dinamiche di politica interna ed estera dell’Unione Europea


In search of European sovereignty


The most recent geopolitical, health, and economic events have made evident that national sovereignties are suffering a crisis. The EU has tried to respond in different ways, and the Next Generation EU is a perfect example of how it’s trying to build a piece of European sovereignty in the monetary sector. The same approach should be adopted for foreign and security policies, but also for other fields where it’s especially necessary that the EU finds its own economic and political independence. Given these assumptions, what is the road ahead?


Execution time: 83 ms - Your address is 18.232.127.73 ngx