ARCHIVIO | 8 ARTICOLI

La reazione dell’Unione europea al Northern Ireland Protocol Bill


Il governo britannico ha presentato un progetto di legge per escludere l’applicazione del Protocollo su Irlanda/Irlanda del Nord, che la Commissione considera illegittimo. Essa ha reagito con tre azioni per infrazione, che non affrontano direttamente le violazioni che il Regno Unito ha commesso con la presentazione del progetto di legge. Lo strumento dell’azione di infrazione non può essere esperito e il ricorso al meccanismo arbitrale previsto dall’Accordo di recesso presenta alcune incognite.


The process of accession to the European Union: the case of Kosovo


Post-war Kosovo's path leads to the European Union, which has been declared by Kosovo and Kosovars over the years. This article will focus on the legal and constitutional aspects of Kosovo's journey. As it will be seen, Kosovo has progressed in the legal context by harmonizing national legislation with European standards. However, Kosovo still has a long way to go before joining the EU.


Abbattiamo il muro! Per l’adesione immediata dell’Ucraina all’Unione europea


L’adesione dell’Ucraina all’Unione europea costituisce un imperativo morale e non richiederebbe alcuna revisione dei Trattati, marcando un ritorno all’approccio classico per cui viene prima l’adesione, poi l’acquis. La situazione speciale rappresentata oggi dall’Ucraina richiede questo cambio di direzione, che costituirebbe, per l’Ue, anche un momento di riflessione sulla propria raison d’être e sul suo futuro.


Perché un’adesione istantanea dell’Ucraina all’UE non è possibile e forse non è nemmeno necessaria


A pochi giorni dall’inizio dell’aggressione armata da parte della Federazione russa, l’Ucraina ha presentato formale richiesta di adesione all’Unione europea ai sensi dell’art. 49 TUE. Alcuni sostengono che una situazione speciale meriti una procedura speciale e che non sia necessario sviluppare un negoziato articolato con la Commissione sull'acquis. Benché ispirata da comprensibili e condivisibili ragioni morali, tale soluzione presenta delle problematicità sul piano giuridico che conviene brevemente ripercorrere.


A view from the UK: Constitutionalising Brexit


The UK is essentially a third country. This is not just because we are now more than two years from the effective date of Brexit; rather, as this post will propound, there have been developments in the handling of Brexit in the UK which indicate a distinct shift towards the absorption of Brexit into the more traditional operation of the UK constitution. Consequently, it appears that Brexit is being constitutionalised.

 

 


Lo spazio geopolitico post-sovietico, crocevia delle relazioni tra Russia e UE


Il contributo riporta al centro dell’attenzione le dinamiche di lunga durata del rapporto conflittuale tra la Federazione Russa e l’Unione Europea, guardando al ruolo di svolta che ha rappresentato la cosiddetta ‘crisi ucraina’ all’interno delle relazioni tra i due attori geopolitici nella storia dell’età presente. In questo quadro, la brutale invasione militare dell’Ucraina da parte della Federazione Russa rappresenta un nuovo possibile momento di svolta per le dinamiche di politica interna ed estera dell’Unione Europea


Interrotti i negoziati sull'accordo quadro con l'UE: una Swissexit?


Dopo sette anni di trattative, la Svizzera ha deciso unilateralmente di interrompere i negoziati sull’accordo quadro istituzionale, mettendo in discussione la possibilità di proseguire e approfondire le relazioni bilaterali con l’UE. Ancora una volta, il nodo gordiano della crisi è costituito dalla libera circolazione delle persone, principio fondamentale dell’integrazione comunitaria, accettato forzatamente dalla Svizzera in occasione dei negoziati sui c.d. accordi bilaterali I e costantemente osteggiato dai partiti di estrema destra e da alcuni governi cantonali. 


I negoziati per l’adesione dell’Unione europea alla CEDU: lavori in corso, alla ricerca di un difficile bilanciamento


Tra il 23 e il 25 marzo 2021 si è tenuto il nono meeting del gruppo di negoziatori c.d. “47+1” per l’adesione dell’Unione europea alla CEDU, in cui la discussione circa le questioni sollevate dalla Corte di giustizia nel parere 2/13 è proseguita, nonostante le difficoltà tecniche, nonché quelle logistiche legate alla pandemia. Il delicato compito affidato ai negoziatori è principalmente quello di superare le censure mosse dalla Corte di giustizia al progetto di accordo di adesione.


Execution time: 598 ms - Your address is 3.223.3.251 ngx